Auto/Moto

Quando la benzina da verde vira al…BLU..

Legnano.

Che bel profumino di benzina…di quelli che ti fanno venire un leggero mal di testa e ti fanno desistere dall’accenderti una sigaretta. Insomma il profumo di ogni box che si rispetti.

Copiose volano le imprecazioni al cospetto di una tanto splendida quanto maledetta Triumph Speed Triple 955i del 1999. Si perchè il Ministero delle complicazioni inutili qui ha veramente dato il meglio di sé, che per smontare un un radiatore devi usare cacciaviti a croce, chiavi torx, brugole e un calice d’oro preso direttamente in Vaticano!

L’odore della benzina inevitabilmente riporta in superficie tanti ricordi piacevoli come un pieno fatto ad un distributore mentre faccio un bel giro in moto, e altri meno piacevoli come maneggiare un serbatoio pieno…e rovesciarsi 5 euro di senza piombo nelle mutande.

Odori che per il futuro non saranno più così scontati nei nostri box. Innanzitutto perché la prossima benzina probabilmente per venire incontro all’omologazione “euro millemila” sarà profumata al bergamotto con note floreali e biancospino…ma soprattutto perché le auto stanno decisamente virando verso l’elettrico.

Si però…se io mi compro un’auto che ha smesso di inquinare e bruciare…ma quanta strada ci faccio? E soprattutto, dove lo faccio il pieno?

In Europa la sterzata verso l’elettrico è netta, pensate che in Germania a Gennaio sono state immatricolate il 21,7% di auto elettriche o ibride, in Francia l’11,6% e nel Regno Unito il 13,7% (fonte: UNRAE).

E l’Italia?

Eh beh, noi popolo prode e legato alle tradizioni, nonostante lo sforzo economico per salvare il mercato auto attuato dal governo con gli incentivi statali…abbiamo immatricolato ben il 4,7% di auto elettriche o ibride. Forte vero? Insomma tutti i soldi dispensati dalle casse statali (le nostre per inciso visto che siamo noi i contribuenti) sono stati investiti in autoveicoli benzina e diesel (eh si, pure i diesel hanno gli incentivi), insomma in veicoli che inevitabilmente andranno incontro nel tempo a blocchi alla circolazione, andranno fuori specifica per le normative ecologiche ecc…

Ma perché?

Sarebbe facile dire che il motivo siamo solo noi acquirenti…eh no. Il motivo principale è che mancano stazioni di ricarica capillarizzate sul territorio. In pratica a parte qualche metropoli del nord, la capitale e alcune aree di servizio della rete autostradale, le colonnine di ricarica per l’elettrico scarseggiano, soprattutto quelle più veloci. Quindi non avendo una infrastruttura degna, servono batterie più capienti e performanti, scaricando gran parte del costo della conversione in elettrico sulle case costruttrici. Come fa una persona che vive in un paese calabrese a pensare di acquistare una vettura elettrica se per caricarla deve fare 50km?

Il problema (non solo per il settore auto) è così evidente che si è reso necessario la creazione del “Ministero della Transizione Ecologica” che incorpora quello che una volta era il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, mixandolo con il dipartimento della transizione ecologica. Ministero appena creato, proprio col governo Draghi nel Febbraio 2021.

Insomma, io una elettrica la prenderei, però non posso mica installarle una centrale termonucleare nel bagagliaio per generare l’energia elettrica necessaria a non chiamare un carro attrezzi alla prima gita fuori porta.

l’assistenza, il servizio più importante per le elettriche

E difatti tra i servizi spesso associati all’acquisto di queste vetture, soprattutto se completamente elettriche, sono proprio quelli di recupero del mezzo e noleggio a condizioni vantaggiose di veicoli termici per le occasioni di viaggio. Sono addirittura nati servizi specializzati nell’effettuare ricariche ai veicoli rimasti senza corrente, anche in assenza del proprietario, ad esempio la società e-gap.

Mi viene da pensare che si, ci crediamo nell’elettrico, ma se devi fare un viaggio è meglio se noleggi una vettura a motore termico…

Hai una elettrica? Hai controllato di avere una garanzia di assitenza stradale degna di questo nome? Il tuo box puzza ancora di senza piombo?

Comments are closed.

Next Article:

0 %